Il periodo ipotetico è una costruzione formata da due frasi, una frase  subordinata ipotetica (la premessa, la condizione) in genere introdotta dalla congiunzione se e una frase principale (la conseguenza che deriva o deriverebbe dal realizzarsi della condizione espressa dalla subordinata).

Se + ipotesi + conseguenza

L’ordine più diffuso delle due frasi del periodo ipotetico è premessa + conseguenza, esempio: se piove, prendiamo l’ombrello; ma si può avere anche l’ordine inverso: prendiamo l’ombrello, se piove.

In italiano, a seconda del grado di probabilità dei fatti indicati nella subordinata (nella premessa), il periodo ipotetico viene suddiviso in tre tipi:
– 1° tipo periodo ipotetico della realtà
– 2° tipo periodo ipotetico della possibilità
– 3° tipo periodo ipotetico dell’irrealtà

L’uso di diversi modi verbali esprime il grado di connessione tra premessa e conseguenza.

Vediamo nel dettaglio:

1° tipo: periodo ipotetico della realtà

Esprime una situazione probabile e realizzabile nel presente e nel futuro. Vediamo alcuni esempi e i tempi con cui si forma:

Se hai problemi, ti aiuto > Se + presente indicativo + presente indicativo

Se ti aspetto, farò tardi > Se + presente indicativo + futuro semplice

Se non rispetterai le regole, verrai squalificato > Se + futuro semplice + futuro semplice

Se esci, telefonami > Se + presente indicativo + imperativo

2° tipo: periodo ipotetico della possibilità

Esprime una situazione possibile ma non sicura, difficile da realizzare nel presente o nel futuro.

Se non ci fosse traffico, prenderei la macchina > Se + congiuntivo imperfetto + condizionale semplice

Se tu fossi più chiaro, ti capirei meglio

Se avessimo tempo, faremmo un giro in centro

Attenzione: l’ipotesi e la conseguenza esprimono un’idea al presente o al futuro anche se uso il congiuntivo imperfetto.

3° tipo: periodo ipotetico dell’irrealtà

Quando la situazione è impossibile nel presente o nel futuro si ha la seguente struttura:

Se fossi un uomo vorrei essere intelligente e bello > Se + congiuntivo imperfetto + condizionale semplice

Se avessi venti anni di meno, partirei per un viaggio avventuroso

Quando la situazione è riferita al passato vuol dire che non si è realizzata :

Se avessi fatto più in fretta, avrei finito prima (ma non ho finito prima) > Se + congiuntivo trapassato + condizionale composto

Se fosse uscito prima di casa, non avrebbe perso il treno (ma l’ha perso)

Altri tipi di periodo ipotetico

Alcune volte la premessa può riferirsi al passato e la conseguenza nel presente:

Se avessi studiato chimica ora lavorerei in un’industria farmaceutica > Se + congiuntivo trapassato + condizionale semplice

Al contrario, se l’ipotesi è riferita al presente ci può essere una conseguenza che ha determinato delle conseguenze nel passato:

Se fosse una persona più calma non avrebbe rovinato tutto > Se + congiuntivo imperfetto + condizionale composto

 

Teacher Silvia

about me

I live in a town near Rome, the city that I love for its special atmosphere and its unique soul. I lived in another fantastic city, London, for five years and it was an incredibly enriching experience that I will never forget. I have in-depth experience teaching Italian as a Second and Foreign Language both in person and online. I graduated from La Sapienza University in Rome with degrees in Italian Language and Literature and I recived the DITALS Certification in Teaching Italian as a Second and Foreign Language from the University of Siena. I have taught Italian as a Second Language since 2003 in various contexts: intensive standard Italian courses, individual tcourses, CELI and CILS exam preparation courses, business courses and online courses via live video calls. I have extensive experience in teaching adults of different ages, backgrounds and levels of competence. I’m passionate about my work because I love my native language and I also love the fact that people find Italian and Italy so interesting and beautiful. I think learning a foreign language is an exciting and challenging way to travel across a culture while enjoying yourself along the way.

Start your journey

“Learning another language is like becoming another person”.

Haruki Murakami

Copyright 2017, monica. All Right Reserved.