Le particelle ci e ne si usano al posto di una parola o una frase. Ci e ne dunque possono avere la funzione di pronomi (diretto e indiretto  e riflessivo per “ci” e pronome partitivo per “ne”). Normalmente queste due particelle si mettono prima del verbo:

  • Esempi: ci vediamo, ci ho creduto, non ci tengo, ci ho giocato, ne hanno parlato, me ne vado ecc…

Si possono mettere attaccate ad un verbo all’infinito eliminando l’ultima vocale del verbo:

  • Esempi: voglio andarci, devi crederci (o ci voglio andare, ci devi credere), etc…

Si devono mettere le particelle ci e ne alla fine del verbo nel caso di verbi all’imperativo informale:

  • Esempi: credeteci, giochiamoci, ricordatene, prendine etc… 

Per comprendere bene il significato di queste due particelle bisogna ricordare le preposizioni che seguono alcuni verbi. Per fare solo due esempi: contare su qualcuno/qualcosa, parlare di qualcuno/qualcosa. Nel primo caso useremo ci > ci conto (conto su qualcuno/qualcosa), nel secondo caso useremo ne > ne parlo (parlo di qualcuno/qualcosa).

Ora vediamo nel dettaglio tutti gli usi delle particelle ci e ne attraverso esempi e spiegazioni.

CI

1.  CI = NOI – pronome diretto
  • Ci accompagni alla stazione? > accompagni noi alla stazione:
2. CI = A NOI – pronome indiretto
  • Matteo ci ha regalato dei vestiti > Matteo ha regalato dei vestiti a noi
3. CI = NOI STESSI – pronome riflessivo o reciproco
  • Ci laviamo tutti i giorni alle 7 
  • Ci vediamo alle 8
4.  CI = IN QUEL POSTO/ IN QUESTO POSTO – particella locativa
  • Sono andato a Venezia ma ci sono rimasto solo tre giorni  >  sono rimasto a Venezia = in questo posto 
5. CI = A QUESTA COSA o PERSONA / A QUELLA COSA o PERSONA

Esempio: tenere a qualcosa:

  • Mia nonna mi ha regalato un suo anallo e io ci tengo moltissimo > tengo moltissimo a questo anello (tenere a questa cosa)

Esempio: pensare a fare questa cosa

  • Chi compra il pane? Ci penso io, non preoccuparti > penso io a comprare il pane (pensare a fare questa cosa)

Esempio: abituarsi a qualcosa

  • Non mi sono ancora abituato a vivere a Bolzano e non mi ci abituerò mai! > non mi abituerò mai a vivere a Bolzano (abituarsi a questa cosa)

Esempio: credere a qualcosa

  • Ho visto cosa ha fatto Giulia e non ci potevo credere > non potevo credere a cosa aveva fatto (credere a quella cosa)
6. CI = SU QUESTA COSA o PERSONA / SU QUELLA COSA o PERSONA

Esempio: contare su qualcosa

  • Posso contare sull’aiuto di Marco? Certo che ci puoi contare! > puoi contare sull’aiuto di Marco  (contare su questa cosa)
7. CI = CON QUESTA COSA o PERSONA / CON QUELLA COSA o PERSONA

Esempio: giocare con qualcuno

  • Fido è un cane molto vivace e ai miei bambini piace molto giocarci > piace molto giocare con Fido  (giocare con lui)
8. VOLERCI, METTERCI, VEDERCI, SENTIRCI

In questi verbi la particella pronominale ci non ha nessun valore se presa singolarmente.

VOLERCI significa essere necessario, occorrere, servire. Si usa solo nella terza persona singolare o plurale.

Esempi:

  • Ci vuole un’ora per andare da Roma a Ostia > ci vuole un’ora = è necessaria un’ora (in questo caso “un’ora” è il soggetto della frase, il verbo dunque è singolare).
  • Ci vogliono molti anni per imparare bene una lingua > ci vogliono molti anni = sono necessari molti anni (in questo caso il soggetto è “molti anni”, dunque il verbo è al plurale).
  • Ci è voluto un grande sforzo per finire il lavoro in tempo > è stato necessario un grande sforzo 
  • Ci sono voluti trenta anni per finire quella costruzione > sono stati necessari trenta anni 

METTERCI significa impiegare del tempo.

Coniugazione tempo presente: ci metto, ci metti, ci mette, ci mettiamo, ci mettete, ci mettono

Esempi:

  • Ci metto un’ora per andare al lavoro (soggetto: io)
  • Ci metto due ore per andare da Roma a Napoli (soggetto: io)
  • Quanto tempo ci metti per finire questo esercizio? (soggetto: tu)
  • Ci hanno messo solo dieci minuti ad arrivare in macchina (soggetto: loro)
  • Ci avrebbero messo di più con il treno (soggetto: loro)
  • Marco ci metterà un’eternità prima di capire (soggetto: Marco)

VEDERCI E SENTIRCI hanno un significato assoluto cioè vengono usati senza un oggetto diretto. Ci in questo caso ha semplicemente un valore di rinforzo del significato e del suono.

Esempi:

  • Da questo posto non ci vedo bene, spostiamoci > non ci vedo =  non vedo
  • Non c’è problema Carla, io ci vedo bene, non ho bisogno degli occhiali per leggere questo > ci vedo = vedo 
  • Puoi aumentare il volume? Non ci sento mi dispiace > non ci sento = non sento

NE

1. NE = DI QUESTA COSA / DI QUELLA COSA / DI QUESTA PERSONA / DI QUELLA PERSONA – pronome partitivo

Esempi:

  • Ho comprato delle birre e ne ho bevute due > ho bevuto due birre > ne = di birre 
  • Ho fatto una torta ma ne voglio mangiare solo una fetta > voglio magiare solo una fetta di torta > ne = di torta 
2. NE = DA QUESTO POSTO / DA QUEL POSTO

Esempi:

  • Sono stanca di questa festa, me ne vado > vado via da questo posto (dalla festa)
  • Andiamocene > andiamo via da questo posto
  • Matteo è entrato in quella stanza due ore fa ma non ne è più uscito > non è più uscito da quel posto (da quella stanza)
3. NE = DI QUESTA COSA / DI QUELLA COSA / DI QUESTA PERSONA / DI QUELLA PERSONA

Esempi:

  • Hai sentito cosa è successo ieri alla manifestazione? No, non ne so niente > non so niente di questa cosa (di quello che è successo)
  • Andiamo al cinema, che ne dici? > che dici di questa cosa (di andare al cinema)
  • Hai preso l’aspirina? Sì grazie, ne avevo proprio bisogno > avevo bisogno di questa cosa (dell’aspirina) 
  • Giorgio hai fatto l’esame? perché non me ne parli? > non mi parli di questa cosa (dell’esame)
  • Marco mi ha lasciato e ora ne sento la mancanza > sento la mancanza di questa persona (di Marco)

 

 

Teacher Silvia

about me

I live in a town near Rome, the city that I love for its special atmosphere and its unique soul. I lived in another fantastic city, London, for five years and it was an incredibly enriching experience that I will never forget. I have in-depth experience teaching Italian as a Second and Foreign Language both in person and online. I graduated from La Sapienza University in Rome with degrees in Italian Language and Literature and I recived the DITALS Certification in Teaching Italian as a Second and Foreign Language from the University of Siena. I have taught Italian as a Second Language since 2003 in various contexts: intensive standard Italian courses, individual tcourses, CELI and CILS exam preparation courses, business courses and online courses via live video calls. I have extensive experience in teaching adults of different ages, backgrounds and levels of competence. I’m passionate about my work because I love my native language and I also love the fact that people find Italian and Italy so interesting and beautiful. I think learning a foreign language is an exciting and challenging way to travel across a culture while enjoying yourself along the way.

Start your journey

“Learning another language is like becoming another person”.

Haruki Murakami

Copyright 2017, monica. All Right Reserved.