Guardare la TV per migliorare l’italiano

Uno dei principali fattori esterni che influenzano il processo di apprendimento di una lingua straniera è l’input, cioè l’insieme del materiale linguistico orale o scritto che circonda l’apprendente. In questo post mi occuperò di come sfruttare al meglio un particolare tipo di input orale molto utile per chi vuole imparare l’italiano. Sto parlando dei programmi TV, dei video, dei film e delle serie in lingua italiana. 

Oggi siamo veramente molto più fortunati rispetto al passato quando per avere un po’ di esposizione linguistica bisognava recarsi necessariamente “sul posto”. Il modo di internet ci offre moltissime possibilità gratis o a al costo di quello che normalmente già spendiamo per lo streaming TV. I film e le serie italiane sono oggi disponibili sulle principali piattaforme (Netflix, Amazon Prime video, Apple TV ecc…). Se acquistiamo un servizio di VPN, inoltre, possiamo anche avere accesso a tutti i programmi presenti su RaiPlay (il servizio di TV in streaming della RAI, la TV pubblica italiana). Non dimentichiamo YouTube dove si trova di tutto: video tutorial, influencer italiani, interviste a personaggi famosi del mondo dello spettacolo, programmi di cucina ecc… Insomma l’offerta è veramente vasta, si deve solo saper scegliere e muovere i primi passi magari con un po’ di gradualità e seguendo qualche consiglio. Alla fine dell’articolo ci sono dei link alle TV italiane che consiglio.

Guardare la TV può aiutarti nella comprensione e nella produzione orale

È evidente che  guardare la TV (o video) per imparare una lingua è un tipo di esercizio che aiuta ad esercitare la comprensione orale. Impariamo a familiarrizzare con la sonorità della lingua che stiamo apprendendo, ci sforziamo di riconoscere in mezzo alle mille parole nuove quelle che già conosciamo e proviamo a memorizzarne altre. L’input deve essere però comprensibile in una percentuale sufficiente a non farci sentire frustrati e scoraggiati e soprattutto deve essere interessante e motivante. Se facciamo un’attività che ci piace è molto più probabile che immagazzineremo informazioni sul vocabolario, la sintassi e la grammatica. Nel momento della produzione orale, quando ci ritroveremo a parlare dunque, tutto quel lavoro che abbiamo fatto prima ci aiuterà anche ad essere più fluenti. Gli elementi assorbiti e memorizzati attraverso l’input torneranno utili perché il nostro cervello li rielaborerà e li utilizzerà nel contesto della produzione. Ecco perché fare esercizio di comprensione orale ci aiuterà ad essere più fluenti anche nella conversazione. 

Che tipo di programmi guardare?

I programmi televisivi ci forniscono molti titpi di produzione orale “autentica” in cui le persone parlano l’italiano come lingua materna.  Per questo, a volte, guardare la TV può risultare molto difficile e scoraggiante per la mancanza di conoscenza del lessico e delle strutture grammaticali o sintattiche e anche per le differenze di accento, intonazione e stile. Nel peggiore scenario per le difficoltà dovute al dialetto dei parlanti. Ecco perché diventa importante saper scegliere il programma giusto e usare alcuni accorgimenti.

Per non sentirsi persi e frustrati consiglierei di iniziare con i documentari, per esempio, che sono un ottimo esercizio per comprendere con maggiore immediatezza e facilità. L’italiano dei documentari ha uno stile narrativo piano e sintatticamente non presenta complessità, la voce del narratore è solitamente molto chiara e con un accento italiano standard, senza inflessioni regionali. Questi elementi rendono i documentari perfetti per provare a memorizzare il lessico specifico e notare per esempio l’uso delle forme dei tempi passati e del presente. 

Come secondo passo consiglio di avvicinarsi al mondo delle serie TV italiane che rappresentano un buon input orale ma anche culturale. L’aspetto culturale, infatti, è connesso all’aspetto linguistico e può aiutarci moltissimo nella comprensione globale di quello che stiamo guardando. In generale nelle serie TV i personaggi parlano un italiano abbastanza standard con inflessioni regionali ma sicuramente questo tipo di prodotto è da preferire ai film che invece presentano un livello di difficoltà molto più elevato. Secondo il mio personale giudizio i film sono più difficili a causa della qualità audio che a volte è insufficiente (non ne conosco il motivo ma questo è un problema del cinema italiano degli ultimi anni) e anche a causa del parlato di alcuni personaggi. È così che ritroviamo accenti forti o parlate in dialetto. Naturalmente tutto questo può rappresentare una sfida interessante per chi ha un livello di italiano molto avanzato ma può risutare un blocco tutti gli altri. 

In generale non bisogna perdersi d’animo, anzi bisogna puntare ad una comprensione globale della trama, delle scene, senza fissarsi sul voler capire ogni singola parola o frase. Questo non servirebbe al tuo scopo che è quello di migliorare il tuo italiano con la TV. 

I miei consigli pratici

Di seguito una lista di consigli su come si possono usare serie TV o film per imparare l’italiano:

  • seleziona un genere che ti piace, che di solito guardi anche nella tua lingua materna o di cui hai sentito parlare e sei curioso
  • se conosci già l’Italia e ti piacciono alcuni attori italiani, puoi fare una ricerca in base al cast 
  • non scegliere serie TV o film troppo vecchi, cerca qualcosa che rispecchi la realtà dell’Italia di oggi
  • se ti piacciono le ambientazioni storiche o vuoi conoscere un particolare momento storico italiano, fai qualche ricerca su Google in italiano e poi cerca “film o serie TV su … (topic)”
  • non fermarti ai titoli più famosi, come per esempio Gomorra o Il commissario Montalbano, questi prodotti a volte possono essere troppo difficili a causa della presenza dei dialetti
  • usa i sottotitoli solamente in italiano mai in inglese o nella tua lingua materna, questo aiuterà il tuo cervello a memorizzare meglio associando il suono alla grafia della parola
  • se vuoi lavorare su una scena per capire un dialogo o un monologo, ferma la scena prendi nota delle parole e delle espressioni nuove poi cercale sul dizionario o su Reverso Context

Risorse consigliate per programmi TV:

Teacher Silvia

about me

I live in a town near Rome, the city that I love for its special atmosphere and its unique soul. I lived in another fantastic city, London, for five years and it was an incredibly enriching experience that I will never forget. I have in-depth experience teaching Italian as a Second and Foreign Language both in person and online. I graduated from La Sapienza University in Rome with degrees in Italian Language and Literature and I recived the DITALS Certification in Teaching Italian as a Second and Foreign Language from the University of Siena. I have taught Italian as a Second Language since 2003 in various contexts: intensive standard Italian courses, individual tcourses, CELI and CILS exam preparation courses, business courses and online courses via live video calls. I have extensive experience in teaching adults of different ages, backgrounds and levels of competence. I’m passionate about my work because I love my native language and I also love the fact that people find Italian and Italy so interesting and beautiful. I think learning a foreign language is an exciting and challenging way to travel across a culture while enjoying yourself along the way.

Start your journey

“Learning another language is like becoming another person”.

Haruki Murakami

Copyright 2017, monica. All Right Reserved.